Cacca Ice Cream

Vengono serviti, riveriti e coccolati da mane a sera. Hanno un pasto sicuro e mangiano abbondante e spesso variegato, anche se la maggior parte delle volte non hanno nessuna pretesa. Quando escono se ne hanno necessità vengono sempre accompagnati. Se vogliono ti urinano sull’uscio e comunque lo fanno dove il desiderio li direziona. Se devono fare la popò la fanno con il sedere all’aria asciugando poi le chiappe al vento come la natura vuole, e hanno spesso una signora con la borsetta rosa e l’odor di calendula che gli raccoglie il prodotto interno lordo con i nuovi fazzoletti al gusto di menta. Il peggio che può succedere è che si puliscano il ricciolino rimasto sul divano di casa. Nessuno li giudica per questo, anzi la maggior parte delle volte vengono salutati con un sorriso e una carezza. Non si lavano, al massimo si lasciano lavare, non si preoccupano di pettinarsi, o di rifarsi il letto, o di prepararsi da mangiare, c’è sempre qualcuno che pensa a loro.

Chi sono? Dei miliardari eccentrici? No, sono i cani, tra gli animali domestici più esigenti e fortunati. Molti tra quelli di loro che vivono in Italia, campano meglio della maggior parte degli abitanti del pianeta terra, alcuni dei quali devono bere il loro sangue e mangiare terra sporca per non morire. In questo mondo dove lo stravolgimento è ormai completo, persino gli animali contano più degli esseri umani e dei ricercatori precari. In un’Europa infettata dall’instabilità mentale degli italiani, popolo esasperato dal progresso, si sta per varare una legge per la quale gli animali dovranno essere tutelati al pari degli esseri umani. E gli esseri umani pagheranno non più solo i maltrattamenti, ma anche se il cordino del guinzaglio sarà troppo corto, se il bagnetto non sarà abbastanza tiepido, se il pasto non sarà sufficientemente buono.

Allora, visto che un bambino etilope da accudire non lo vuoi, prendi me, scegli me! Mangio qualsiasi cosa, imparo immediatamente il punto in cui devo fare i bisogni e posso anche cambiarmi la sabbietta da solo. Sebbene possa divertirti con un discreto numero di giochetti, rimango la maggior parte del tempo in un angolo del divano a leccarmi le gonadi, e all’occorrenza posso coinvolgerti in una piacevole conversazione. Non sporco quasi per niente, perdo solo un po’ di pelo, e ci sono dei rari giorni in cui sono adorabile.

Annunci
Consigliatissimo telefilm sul sesso sfrenato, mi pare che all’interno ci siano anche dei medici chirurghi o qualcosa di simile. Il cast è ben scelto dalla famelica Shonda Rhimes e malamente utilizzato da alcuni sceneggiatori psicotici, quelli per intenderci che hanno scioperato per mesi.

Anatomia del brachicardio

Il primo paradosso si crea per la nascita di un amore, quello vero, tra i due protagonisti, ovvero il dottor Sheppard, che decide per un banale tradimento (qualcuno poi per correggere il tiro lo farà diventare una cosa reiterata) di lasciare la dottoressa Montgomery, più bella di Carla Bruni, una dea dell’intelligenza, con capacità fuori dal comune, con una sensibilità che commuove, uno spirito di responsabilità e una forza d’animo introvabili, in favore di Meredith Grey, bella ma meno attraente, secca come un chiodo, piatta come un pianerottolo, con il cervello di un pavone, insicura, emotivamente instabile, e che se non si fa le sopracciglia e scrive welcome può shpalmarsi sul pianerottolo di prima. Seconda coppia che scoppia: Preston Burke il mitico cardiochirurgo si mette con una tipa a cui hanno dedicato subito il sito: Sandra Oh è brutta. A me personalmente piace, ma obbiettivamente… Invece nel telefilm dicono che è troppo bona. Di un’acidità unica, e completamente diversa da Preston. Pensate a un tipo che dispone le mutande in ordine alfabetico, fidanzato con una ragazza che mette i cartoni delle pizze insieme alla biancheria intima. Obbiettivamente non ci stanno a fare niente. Infatti Preston alla fine della terza serie mentre si sta per sposare esce a mandare la tipa a quel paese e se ne va a lavorare come istruttore della donna bionica, serie che verrà poi interrotta per lo sciopero degli sceneggiatori psicopatici. Mentre Madison è andata a Desperate Housewives, altri caratteri continuano a trasformarsi durante il corso del telefilm, la nazista cosidetta, diventa una mamma apprensiva e poco propensa al comando, il secchione dovrà ripetere il tirocinio, e la modella più bona delle corsie del Seattle Grace si mette con il ciccio buliccio, che si lascia una ragazza super focosa dopo averla sposata a Las Vegas durante un esplosivo quanto breve impeto di passione. Il tutto cotto a fuoco lento. Si parte molto bene, bellissime le prime due serie, poi la minestra si secca. Lost docet.