Un vecchio giapponese ha festeggiato il centoquarantaduesimo compleanno, diventando l’uomo attualmente più vecchio del mondo. Come al solito la domanda degli intervistatori riguarda il segreto della sua longevità e il vecchiaccio risponde: mangio bambù e non bevo mai alcol. Poco tempo prima il sardo più vecchio del mondo alla stessa domanda rispose che il suo segreto era mangiare carne e bere un bel bicchiere di vino a pasto. Dopodichè inizia sempre la rubrica “Gusto”. La nostra vita insomma si riduce sempre alla spasmodica selezione di cibi e bevande possibilmente sotto l’amorevole sguardo delle rubriche di Mengacci & C..

Le banche americane dopo il tracollo tentano di salvare le grandi case assicuratrici nella persona di alcuni degli uomini più ricchi del mondo, mediante l’emissione di una quantità impressionante di denaro liquido. Questo per evitare che nelle società basate sul debito i creditori comincino a battere cassa con conseguenze deleterie per le imprese che campano con lo strozzinaggio. Invece indovinate chi ci perderà dopo la svalutazione della moneta che deriverà da questa nuova rottura delle dighe?

Tronchetto Stramaledictus Provera, uno degli uomini che si è più  impegnato a rosicchiare le nostre finanze è ora vicepresidente di Mediobanca. Afef non gli basta mai. I nostri soldi (che dopo l’emissione di cui sopra valgono sempre di meno) vengono ancora utilizzati per pagare Alitalia, il cui ultimatum di oggi mi pare di aver capito ha subito una ulteriore proroga e la solita Rete4 di Fede, la rete dell’allegria come amava chiamarla Mike Bongiorno che intanto nei vari spot viene inseguito da Fiorello che vuole sapere anch’egli il segreto della eterna giovinezza.

Il solito signore tranquillo, ammirato dai vicini per il suo impasse in un giorno di ordinaria follia prende il suo fucile e ammazza un paio dei suoi familiari. Anche stavolta non si racconta la vera notizia e cioè: “anche oggi in italia nonostante tutto quello che succede una sola persona ha perso completamente il senno“.

Berlusconi va ad inaugurare la nuova chiesa degli angeli di San Giuliano e ricorda pietoso il disastro di qualche anno fa. Alcune giovani mamme vanno a piangere commosse sulla sua costosissima giacca. Egli potrebbe per cambio violentarle sul praticello ancora adolescente esattamente di fronte alle telecamere e godere di quella fantastica impunità che tutti i più grandi supereroi avrebbero desiderato, ma non lo fa. E mi fa pensare che forse è davvero una brava persona e che il mondo non è così brutto come lo si dipinge.

Bruno Vespa presenta il suo nuovo libro, parlandone come di un libro più umano, meno giornalistico. Infatti, racconta, stavolta è andato dai protagonisti della notizia, chiedendo alle famiglie come fanno ad arrivare a fine mese, ai Rom come fanno a campare con quel poco che rubano, a Batman se non sia il caso di preoccuparsi per Robin, e così via. Intanto la polizia va a intervistare i Rom per davvero e scopre che quelli che rubano se ne vanno via dai campi nomadi per stare in degli appartamenti di lusso.

Nella rubrica sulle tecnologie parlano del fatto che in ogni lattina di cocacola c’è amore, da cui quel sapore che nessuno riesce ad imitare. Quando anche in una sola lattina smetteranno di metterci l’amore il sapore non sarà più lo stesso e dovremo cominciare a preoccuparci. L’esperto dice che questo avverrà circa nel 2012 quando il nuovo acceleratore di particelle sarà a pieno regime e Maria de Filippi girerà l’ultima puntata di C’è Posta per te.

Ogni volta che torno a casa e rivedo l’amato televisore acceso, rimango per ore con gli occhi spalancati e alla fine annaspante e con della schiuma nel bordo della bocca ho una grande voglia di andare nello spazio profondo. Là nel vuoto c’è silenzio e il tuo corpo si gonfia. Dopo un po’ non capisci più niente, e comincia a passarti davanti agli occhi tutta la vita. Senza pubblicità.

Chiamata senza risposta

Data Astrale 2007, ancora la Telecom mantiene il monopolio sulle infrastrutture telefoniche del nostro paese, alla faccia della liberalizzazione. Le cose cambieranno ma con un’inerzia che come la puzza del nostro stivale sfianca l’utente di qualsiasi servizio. Con i soldi che la telecom ha avuto dagli italiani ora avremmo potuto chiamare gratis anche nelle intergalattiche. Solo con le truffe dell’144 avremmo evitato un paio di finanziarie, e con quello che è riuscito a fare il tronchetto, ovvero affossare con debiti di centinaia di miliardi di euro, un’azienda pseudostatale che detiene tuttora il monopolio, e continuare a girare tranquillo in un 24 metri con una moglie come Afef, (provate voi a non pagare 100 euro di multa) avremmo potuto eclissare la notorietà di qualsiasi mago dell’illusionismo, da Houdini a Daniel Chesterfield.

Cellulare in borsello

Invece paghiamo, più degli altri in europa come al solito, le telefonate e l’adsl più antifunzionali del vecchio e malandato continente. Smettere quasi di pagare o diminuire i costi delle vostre telefonate si può. Intanto togliete telecom. Deve scomparire. Poi buttate Sky, tagliate i vostri fili da burattini con la scusa che ce l’avete per vedere Discovery Channel e mettetevi internet. Cercate in rete le migliori offerte, su internet c’è tutto. Per telefonare, due servizi al momento ben funzionanti sono: Voipwise che vi permette di fare chiamate e mandare sms gratuiti di prova e poi dopo l’inserzione di un credito di 10€ per mesi, dopo i quali userete i 10€ a tariffe che vi renderanno difficile finirli. E Flashphone che vi consente di fare gratis ogni giorno un certo numero di chiamate sotto i 3 minuti. Appena l’ho consigliato a LaMiaTariffa.it lo hanno messo in prima pagina. Mi dispiace che non ci siamo conosciuti prima, altrimenti soldi alla Telecom e alla Tim, non ne avreste mai dati. A proposito, buttate TIM dai vostri parapetti, per quanto riguarda i cellulari le tariffe migliori sono 3 (Super 5) per chi telefona molto, wind (Wind 9 *offerta limitata*, o wind super senza scatto) per chi telefona poco, Omnitel per chi sta appresso alle offerte.

Approfitto per una promozione pubblicitaria. Ho una rara e preziosissima scheda rossa in più, una vecchia tariffa della TIM che fa fare chiamate a 190 lire (circa 9€cent) nei festivi e dalle 20.30 in poi tutti i giorni e a 100 lire (circa 5€cent!!!) dalle 22.30 in poi! Se qualcuno è interessato me lo faccia sapere.

Ricordatevi che i ragazzi che vogliono fare di loro capriccio e a modo loro, prima o poi se ne pentono.