Wayl Show


Wayl Pages 01

Anno 1995, una delle prime 5 pagine ad occupare i cluster dei server di Pisa. 5000 visite in 2 anni, prima su Altavista con le ricerche sui viaggi in sardegna nell’epoca di Wargames. Waybach machine non ci arriva. Persa.

Wayl Pages 03

La prima pagina personale di Wayl. La stessa che si vede nelle (altro…)

bbs-01.jpg

Isca BBS – USA, IP: 128.255.200.69, DNS: bbs.isca.uiowa.edu

È la più grande bbs del mondo, situata nell’Iowa utilizza uno dei più semplici sistemi citadel dato il peso che comportano le novità in una bbs di queste dimensioni.
(153) Ciao Italiano> è la room italiana, naturalmente la popolazione di iscritti è enorme, probabilmente la più grande community italiana presente ad oggi su internet. I meeting sono all’ordine del giorno. Il roomaide ufficiale è Wolf, ma delega spesso alcuni altri simpatici personaggi durante la complessa gestione di questa babele.

Brinta – Olanda, IP: 145.24.149.50, DNS: Brinta.ptf.hrp.nl

La bbs olandese è ormai la seconda in grandezza, ma mai sovraffollata e la connessione a 340Kbps consente di spippolare a una velocità warp. Unica l’estensione dell’interfaccia citadel: intuitiva, piacevole e funzionale.

(61) Italia> é il posto dove si incontra la tribù italiana. Dopo il grande Donald, Wayl è il Roomaide. (altro…)

Wayl Blog, il blog della tirannia mediatica.

Wayl lo trovi su: https://wayl.wordpress.com

A maggio: RIPOSO.
Lo ha detto il medico.

Al Mixer

Rieccomi qui con il mio solito viso contrariato a parlare di un altro volto indubbiamente molto più affascinante ovvero quello di Ambra. Presentatrice che molti di voi conoscono grazie a quei programmi televisivi che cercano di mantenere un legame con le nostre tradizioni locali. Ho avuto il piacere di conoscerla durante la direzione tecnica di alcuni spettacoli legati appunto alla riscoperta del valore dei costumi della Sardegna. Ebbene volevo solo dire che abbiamo un giustificato stereotipo sugli abitanti del mondo dello spettacolo, ma piccoli casi isolati come questo ti fanno riapprezzare il gusto di utiilzzare la tv come strumento di comunicazione. Poche sono le calpestatrici di palcoscenico così preparate, così in gamba nel tenere la scena e sopratutto così semplici e graziose.

Ambra

Dopo anni di esperienza, è sempre attenta al tuo giudizio e a quello del suo pubblico, non si accontenta mai, e sopratutto cerca sempre di mantenere un contatto umano con gli spettatori che oggi è introvabile. Nonostante questo è una ragazza agguerrita che non ha mai timore di esternare le proprie sensazioni, e a questo proposito volevo raccontare un piccolo episodio che lega me e il caro Imbroh alla simpaticissima presentatrice.

In passato ho curato la distribuzione di gruppi musicali, ho fatto talvolta da giudice in alcuni contest e durante una manifestazione accompagnata da una gara canora mi è stato chiesto di invitare alcuni tra i migliori cantanti della zona. Mancandomi il tempo ne ho chiamato solo uno, il migliore, in modo che potesse lui vincere uno dei primi tre premi in palio ovvero un viaggio in un paese europeo.

Sul palco si sono avvicendati vari personaggi e nessuno è riuscito a raggiungere la qualità e la simpatia di quella del caro Imbroh che si è improvvisato come suo solito anche in uno spetacolo di cabaret prima di far sollevare la pelle d’oca nella testa della gente durante la sua esibizione. Ebbene se i premi fossero stati tre come mi era stato detto lui stava per partire, ma non mi aspettavo che arrivasse primo perchè so per esperienza che in questi contesti vige una tipica mafia italiana, contro la quale magari tento di oppormi, ma quel modo di vivere la democrazia in italia è troppo radicato e così il caro Imbroh arriva secondo, dopo l’amica del resto della giuria. E essendo il viaggio uno anzichè tre, l’amico Imbroh rimane a bocca asciutta con un nuovo cellulare, carino per carità, ma non è la stessa cosa.

Premiazione Imbroh

La gente è giustamente allibita, e tra questi una sola alza la voce ed è appunto la mitica Ambra che disse qualcosa del tipo: “Voi sapete come la penso su queste cose, e sopratutto sarebbe stato giusto premiare non solo la bravura canora ma anche la presenza scenica di alcune persone. Quindi la giuria non mi trova d’accordo con questo verdetto, assolutamente.” – Nessuno fiata su questo commento che Ambra non era certamente obbligata a fare, rendendo palese la tipica farsa all’italiana a cui si era appena andati incontro. Vi risparmio i nomi degli altri giurati, gente che è salita sul palco sotto forma di palma dicendo “Io nasco come attore…” e altre esilaranti cose di questo tipo.

Elemosina

Le nostre storie… Chissà che qualcuno non le racconti, recitavano Tamigiana e Gliuglinu lassù dal tedioso paradiso, reso ancora più noioso dalle varie fiacchezze e dai sospiranti interventi di Iacu. E anche se, disse un giorno lo stesso Tamigiana in un momento di sconforto: “Mai avessi detto questa frase”, le nostre storie furono tante e si dispersero all’interno dei contenitori multimediali più eterogenei.

La sfida

Le nostre storie

Infatti, siccome nessuno le ha mai raccontate, ce le siamo raccontate da soli, in un’opera musicale scritta e composta interamente con sangue, sudore, e salsedine nelle piaghe, una raccolta teatrale, un film, un libro che tenta invano di ripristinare inutili e inestimabili ricordi, giornali che di fatto non c’entrano niente ma ci hanno consentito di acquistare le cartucce necessarie alla produzione cinematografica, riviste, fumetti con al loro interno viaggi allucinanti, magliette e cappellini. E… povero Carrebat, pare ancora non sia finita. Intanto lui ha perso il capello del giudizio, quello grosso, quello centrale.

Rivolti al futuro

Tra l’altro chi si ricorda come nacquero Damigiana e Ciudinu, come qualcuno li chiamava? Da giovani erano dei giocatori di Hockey che puntavano verso l’alto, su pista circolare in moto rettilineo uniforme, nient’altro che la rappresentazione dei vecchi da vecchi, uno di loro forse siede ancora nel tavolino al semaforo!

Meglio non fidarsiSi è cercato tanto nella memoria collettiva per carpire il momento in cui Enden et Carrebat si conobbero per la prima volta, pare che quando questo non avvenne quando erano bambini, ma accadde ancora prima quando durante un incidente stradale Enden cominciò a inveire prima nei confronti di Carrebat e poi a pestare una vecchietta.

Incidente

I due scoprirono da quel momento di avere tantissmi interessi in comune, cioè due: il calcio, e le mazze da golf, soffrest, e comprarono il loro primo cd di Bennato e De Andrè.

Bennato e de Andrè

Il loro atteggiamento nei confronti della vita era sempre stato differente e complementare. Carrebat  la vita la sfidava, Enden tentava di corromperla.

Andrea e Filippo nei guai

La iaca, gli zandali, le mosche secche e i romanzi di Benni li portarono immediatamente al successo, vennero supportati dai fans, dalle colline di Villanova Maraschino fino alle pianure di Piazza San Pietro.

Papa Salvali

Vi sfidano a duello, a tutti quanti.

Enas

Ecco il gruppo degli Allister mentre posa nei set fotografici per la creazione dei book del festival letterario di Enas 2005. Sono loro, finalmente e nuovamente assieme, per le 5 serate di spettacolo, nelle quali come sempre, proporranno le loro musiche dal background umanistico e i loro testi di notevole impatto politico e sociale. Verranno acclamati dal pubblico numeroso accolto dalle fantastiche cornici dei paesaggi delle savane Olbiesi.

New Allister

Eccoci qui con il nostro nuovo mitico tastierista! Un saluto a Deep Jungle e arrivederci al prossimo tour!

 

Allister

Steve ContrariatoEcco la triade al completo, che termina in bellezza la tournee 2005 che li ha portati a percorrere gli impervi calli della Gallura e dell’Anglona. E’ come sempre il famigerato Steve Carrebat che con una delle sue migliori espressioni riesce a riassumere al meglio, la serata appena trascorsa. Questa sarà ricordata come la prima tournèe ufficiale degli Allister.

Wayl Solo

Come sempre per ringraziare il fantastico pubblico di Villanova Maraschino, Wayl accompagnato dal mitico Versatile, versa sul pubblico interminabili ruscelli di emozioni audiofoniche, suonando se stesso in una delle più indimenticabili interpretazioni della bellissima “Foglia Secca“.

Wayl Singing

.oiggatnomotof nu ivitom ivvo rep è omitlu’tseuQ

Pagina successiva »