Videorama & Audiorama


A chi predica la povertà e sperpera nello sfarzo i soldi dei bisognosi, a chi ha reso l’amore tra gli esseri umani un tabù e quello per gli animali un dovere, a chi ha reso la vita un inseguimento del massimo profitto con la minima soddisfazione dedico queste considerazioni.

Riprendiamoci indietro la vita dunque, in tutta la sua innocente e disgustosa semplicità.

Edit, repost, eng subs:

…e aggiungo una cosa ancora: ai consider sdesd de fleg ov iunaid sdèiz, nos only a fleg ov a canfry, bas is en iuniversal messagg ov fridom ev… dimòcrasi

Please… visit… website… but… please… visit… … Italy

Aggiornamento dell’ultimo minuto

La nostra immensa filmografia non conosce limiti di tempo e di genere. Gli anni ’80 erano appena finiti quando negli sterrati dove ben presto avrebbero costruito le più immense circonvallazioni della Costa Smeralda il dinamico duo composto dai soliti Axel Andreares e Steve Carrebat, girò senza patente le prime riprese di Super Carriola, uno dei loro nuovi sceneggiati di fantascemenza, e durante la notte il prologo di un altro loro famoso sequel, in cui Axel ritrovando la tomba di Ken sancisce la sua meritevole successione alla divina scuola di Holbiuto e l’inizio della nuova stagione di Axel il guerriero.

Super Carriola, una macchina che non fa due metri senza che le candele esplodano, o i pistoni si inceppino era il mezzo utilizzato dai due indomabili detective per la risoluzione dei casi più complessi. Ricordo che erano infallibili: il morto ci scappava sempre, a causa di una gomma forata o dello sbrodamento della benzina arrivavano infatti sempre in ritardo e l’omicida veniva sempre travolto da Super Carriola, la maggior parte delle volte per sbaglio dal momento che non si riusciva mai a frenare in tempo, sai, con tutti quei pulsanti elettronici.

Ecco come nacque Axel il guerriero. Un combattente dal cuore nobile e dall’atteggiamento losco. Con le cuffie sempre alle orecchie e il suo giumbotto in pelle, spietato con i deboli e feroce con gli oppressi. Amico dei potenti e mandrillo con le donne. Insomma un eroe dei nostri tempi, un politico. Pessima qualità, montaggi analogici su ripresa a video, ma tanto amore per i nostri ormai lontani anni ’80 e un sacco di nostalgia.

Il chrogiuoli questi giorni mi ha fatto vedere due delle cose più sconcertanti degli ultimi mesi: The Bourn Ultimatum e il filmato delle Hansel Twins.

Dal momento in cui ho finito di vederlo fino a oggi, nell’unica testa che ho girano vorticosamente un insieme immenso di domande. Vogliamo discutere sulle implicazioni di questa incredibile storia? Ad esempio quanti regali le fai? Uno o due? Certo, questo dipende forse da cosa le regali, se un cappello o una maglietta. Chi batte le mani? Quando guidano chi decide dove andare? Cosa votano? Quando votano, il segreto elettorale come lo tutelano? E quanti voti mettono? Si danno il bacio della buona notte? E se qualcuna di loro russa di chi è la colpa? Di chi mi sono innamorato prima? Durante la lezione se alza una mano chi è che sta per rispondere? E se fanno un compito possono suggerire? Chi lo fa? Una mano lava l’altra? E se cominciano a prendersi a testate? Bisticciano? E chi strappa i capelli di chi? Chi decide quando andare a fare pipì o tirare una puzza? E se una tira una puzza, l’altra se ne accorge? Con quanti ragazzi si devono fidanzare? E chi lo bacia al ragazzo? E chi lo riabbottona? Se le chiamano da dietro da che parte si girano? Se una testa ha sonno e l’altra no? Se una trattiene il respiro e l’altra urla contemporaneamente? Vi prego rispondetemi, a qualcosa hanno già risposto loro da piccole, quando erano alte uguali.

Superbo condottiero, fiero, maschio e volitivo; ne le tue verba la meta, ne li tuoi gesti l’essenza. Guidaci, donaci luce e indicaci la via. Prode, strenuo e indefesso; ne li tuoi occhi il senso, ne li tuoi “a noi!” la risposta:

unz unz unz unz unz unz unz unz imbroh unz unz unz unz unz unz unz unz unz fascismo unz unz unz unz imbroh adulto unz unz unz risate unz unz unz unz unz daniele unz unz unz unz Vai! unz unz unz unz discorso unz unz unz unz applausi unz unz unz unz unz unz disco unz unz unz unz un po’ meno applausi unz unz unz unz cus unz unz unz unz artista unz unz unz gente andandosene unz unz benito unz unz unz ploffete.

Wayl Blog, il blog della tirannia mediatica.

Wayl lo trovi su: https://wayl.wordpress.com

A maggio: RIPOSO.
Lo ha detto il medico.

Una storia psicologicamente devastante, un finale grottesco che coinvolge una squadra di poliziotti che pesano ogni secondo il compromesso nelle cruente strade che le loro vite percorrono. Avrete mai il coraggio di addentrarvi all’interno di una colossale operazione anticrimine accompagnati da un manipolo di eroi pronti ad uccidere per salvare una vita umana?

Il trailer del nuovo fantastico film della AnfiProductions, casa di creazioni multimediali capostipite nel settore della sceneggiatura e regia dei maggiori campioni di incassi degli ultimi secoli.

Pagina successiva »