Al Mixer

Rieccomi qui con il mio solito viso contrariato a parlare di un altro volto indubbiamente molto più affascinante ovvero quello di Ambra. Presentatrice che molti di voi conoscono grazie a quei programmi televisivi che cercano di mantenere un legame con le nostre tradizioni locali. Ho avuto il piacere di conoscerla durante la direzione tecnica di alcuni spettacoli legati appunto alla riscoperta del valore dei costumi della Sardegna. Ebbene volevo solo dire che abbiamo un giustificato stereotipo sugli abitanti del mondo dello spettacolo, ma piccoli casi isolati come questo ti fanno riapprezzare il gusto di utiilzzare la tv come strumento di comunicazione. Poche sono le calpestatrici di palcoscenico così preparate, così in gamba nel tenere la scena e sopratutto così semplici e graziose.

Ambra

Dopo anni di esperienza, è sempre attenta al tuo giudizio e a quello del suo pubblico, non si accontenta mai, e sopratutto cerca sempre di mantenere un contatto umano con gli spettatori che oggi è introvabile. Nonostante questo è una ragazza agguerrita che non ha mai timore di esternare le proprie sensazioni, e a questo proposito volevo raccontare un piccolo episodio che lega me e il caro Imbroh alla simpaticissima presentatrice.

In passato ho curato la distribuzione di gruppi musicali, ho fatto talvolta da giudice in alcuni contest e durante una manifestazione accompagnata da una gara canora mi è stato chiesto di invitare alcuni tra i migliori cantanti della zona. Mancandomi il tempo ne ho chiamato solo uno, il migliore, in modo che potesse lui vincere uno dei primi tre premi in palio ovvero un viaggio in un paese europeo.

Sul palco si sono avvicendati vari personaggi e nessuno è riuscito a raggiungere la qualità e la simpatia di quella del caro Imbroh che si è improvvisato come suo solito anche in uno spetacolo di cabaret prima di far sollevare la pelle d’oca nella testa della gente durante la sua esibizione. Ebbene se i premi fossero stati tre come mi era stato detto lui stava per partire, ma non mi aspettavo che arrivasse primo perchè so per esperienza che in questi contesti vige una tipica mafia italiana, contro la quale magari tento di oppormi, ma quel modo di vivere la democrazia in italia è troppo radicato e così il caro Imbroh arriva secondo, dopo l’amica del resto della giuria. E essendo il viaggio uno anzichè tre, l’amico Imbroh rimane a bocca asciutta con un nuovo cellulare, carino per carità, ma non è la stessa cosa.

Premiazione Imbroh

La gente è giustamente allibita, e tra questi una sola alza la voce ed è appunto la mitica Ambra che disse qualcosa del tipo: “Voi sapete come la penso su queste cose, e sopratutto sarebbe stato giusto premiare non solo la bravura canora ma anche la presenza scenica di alcune persone. Quindi la giuria non mi trova d’accordo con questo verdetto, assolutamente.” – Nessuno fiata su questo commento che Ambra non era certamente obbligata a fare, rendendo palese la tipica farsa all’italiana a cui si era appena andati incontro. Vi risparmio i nomi degli altri giurati, gente che è salita sul palco sotto forma di palma dicendo “Io nasco come attore…” e altre esilaranti cose di questo tipo.

Annunci