E’ la domenica ideale per andare a farsi una passeggiata a Montecarlo e puntare qualcosa sul 36 nero al casinò. Questo dopo essere tornati dalle nere terre del poetto passando per le ultra dissestate strade della cittadina di Cagliari.

CroceVia Poltergeist

Penso che neanche un olocausto nucleare possa ridurre le strade e le spiagge e i posti di ritrovo di un paese civilizzato come riesce a fare la stessa amministrazione comunale che con il solito gesto epilettico finale pre-elettorale in perfetto stile berlusconiano ha inviato nelle nostre case l’opuscolo “CAGLIARIMIGLIORA” (???) pagato con le vostre tasse su un ici defungente.

La stessa giunta che rivanga per inserire non si sa più quale tipo di tubi, aprendo cantieri in ogni dove per dare lavoro a persone che guidano benne impazzite e distruggono strade (sembra di essere nel film POLTERGEIST ma senza cimiteri indiani), tubi dell’acqua (davanti a casa hanno riaperto per “lavori sulle tubature dell’acqua” per la 3a volta in 2 anni, distruggendo il tubo che collegava alla rete idrica la nostra palazzina in via Molise che è rimasta due giorni senz’acqua), cavi della luce (l’enel è dovuta intervenire tempestivamente perchè nel nostro rione la luce è andata via “inspiegabilmente”), e attentando alle nostre vite (volevano far pagare a noi i danni perchè i tubi erano marci) e a quella del mio povero serverino PIII 800mhz e dell’hard disk da cui le informazioni che leggete in questo momento vengono pazientemente estratte nonostante i pericolosi sbalzi e le interruzioni all’erogazione della tensione (ricevo numerose lettere di persone che non riescono a collegarsi al blog).

La giunta comunale dovrebbe avere i pavimenti di casa mezzi cementati, tapezzati alla mal’e peggio come le strade della zona del magistero, e girare per i corridoi in compagnia della donna di cioccolato con una bici senza sellino, per avere un’idea di che cosa significa vedere le strade così ridotte. Poi scendere dalla bici e incamminarsi per i marciapiedi rifatti e subito ridistrutti, corredati di comode isolette di terra lasciate per i cani i cui bisogni trovano un perfetto allogio davanti al pianerottolo della vostra casa. Chi non ha girato per le strade e i normali perfetti marciapiedi di un qualsiasi altro paese europeo non può capire Dovrebbero spendere i vostri soldi per compilare un opuscolo informativo dal nome “CAGLIARIINVIVIBILE“, per informare i cagliaritani dei record di distruzione a cui la città è rimasta soggetta in tutti questi anni. E poi andare al mare ad affogare nella schiuma torbida delle innovative rive del Poetto.

Annunci